« Lo sfondo della settimana | Principale | Abbi Fede »

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

lavinia

Non le sopporto queste truppe straniere in mezzo alle nostre città e negli angoli più belli delle nostre isole.

liber

E dovremmo essere così poco ospitali con loro che hanno così tanto rispetto per le nostre leggi e per la nostra democrazia...?

Tomas

che ci siano truppe o meno, di esser servi o meno, non credo che siano questi i problemi.
I problemi sono i fattacci del Cermis che poi ci ritroviamo a doverci sorbire...
E questo enfatizzare (come ho visto ieri sul TG5) i soldoni che arriverebbero o meno da questa "operazione"....
Che tristezza

Mario

Servi, autonomia propia, soldi, si arricchisce solo uno, la solita retorica e lamentele fatte seduti su una poltrona davanti al PC, da persone ke sono serve da quando sono nate e nn se ne sono mai accorte. Solo quando i media sparano una notizia a cavolo, si risveglia l'animo patriottico di servi magari contro gli USA. Pensa c'erano 11 basi nato in Italia, e ogni volta una discussione ma poi sono state realizzate indipendentemente da chi era al governo. chissa perchè?

Pat

Basta rileggere la storia del 20esimo secolo per comprendere: due guerre mondiali, la guerra fredda e ora la guerra al terrorismo islamico. E che dire dei secoli precedenti?
Perchè stupirci se abbiamo un esercito straniero in casa?
Fa comodo da un lato e ci lascia perplessi dall'altro.
Il problema non è quello della nostra "servitu'" secolare, ma è ben altro e ci riconduce alle notti buie della Repubblica e della giustizia(vedi il Cermis, Ustica, etc.).

Giallotitti

Affondo

Cosa possiamo dire, siamo Italiani. Forse qualcuno dimentica che facciamo parte della Nato, se prendiamo degli impegni dobbiamo rispettarli. Io, fossi al governo, chiuderei tutte le basi Nato, darei questi spazi ad Hamas o magari alle corti Islamiche somale, rimaste senza terra. In questo modo l'Italia avrebbe molto consenso a livello internazionale.
Un saluto

I Care

Condivido la tua riprovazione per uno stato che consente a truppe straniere di stazionare nel proprio territorio e bene fai quando sottolinei che stiamo cedendo la nostra sovranità nazionale (tra l'altro ad uno stato amico si, ma ultimamente "alquanto guerrafondaio"). Invece vorrei dire a tutti coloro che pensano ad un immediato ritorno economico per la presenza di soldati americani che (a parte la mancata riflessione etica) gli americani sono abituati ad essere autosufficienti e fanno arrivare anche i "panini" con i cargo dagli USA.

Andrea

Sappiamo che guerre non sono belle. Sono brutte, ma senza le guerre, non viviamo ad Italia, o altri posti del mondo. Credo che George Bush e' un uomo molto malo perche ha cominciato una guerra, e molti soldati hanno morto. Aspetto che la guerra finira' presto, ma tutto che possiamo fare e' aspettiamo.

Vladimiro

Tanto per chiarire: le basi nato sono una cosa, le basi USA un'altra.
Facciamo parte di un'alleanza, e penso vada rispettata... ma non oltre questo.
Inoltre è vero che gli americani sono autosufficienti economicamente.
V.

susi

apporto economico? qua in sardegna l'unico apporto le basi militari l'hanno dato alla crescita dell'inquinamento (in terra acqua e aria), del cancro tra la popolazione(uranio impoverito). In compenso, quale onore! Qualche -ma davvero qualche- posto di lavoro e il privilegio di assistere allo spettacolo degli aerei israeliani che fan le prove generali prima di andare a bombardare il libano.

giuseppe

Perchè dovremmo accettare e condividere supinamente la politica,le scelte USA? Perchè non dovremmo ricordare e dire chiaramente che la Politica vera non è quella della forza, quella che ha portato prima ad armare Saddam fino ai denti e poi ad impiccarlo, quella della guerra preventiva, quella dei bombardamenti sulla Somalia, quella del supporto dato ai vari dittatori del centro e sud America (vedi ad esempio Pinochet), quella della sospensione dei diritti civili (vedi Guantanamo), quella machiavellica del fine che giustifica i mezzi (soprattutto quando si tratta di petrolio e di controllo di aree strategiche)? Se lo si fa si è antiamericani! Ma allora è meglio esserlo se significa rimanere padroni del proprio cervello, della propria identità e cultura piuttosto che passare per servi e schiavi di altri obbedendo ad ogni loro desiderio.

Affondo

Per Susi
Sono assolutamente d'accordo con te! Mi chiedevo, perche' non dare le ex basi americane ad hezbollah, i missili Katiuscia sparati su Israele sono certamente meno inquinanti. Per quanto riguarda l'uranio impoverito, potremmo inviare squadre sul posto a raccogliere questo uranio e successivamente inviarlo all'Iran che provvedera' ad arricchirlo.
Un cordiale saluto

mirka

Basi americane in Italia? No grazie.
Viene spontaneo rispondere, emotivamente scontato, ma dobbiamo anche riflettere. Cosa può comportare tale scelta? Un benessere per le popolazioni locali. Ah be! Una difesa sicura e forte da attacchi nemici. Ah be!Una buona amicizia assicurata per l'eternità con la nazione più forte del mondo. ah be!.....e potremmo continuare così, ma è così che DOBBIAMO continuare?
L'esperienza non ci ha insegnato?
Basterebbero tre semplici ma chiare motivazioni per non condividere "l'operazione militare di Vicenza"
L'Italia è in Europa e la sua difesa non può prescindere da scelte europeiste più che americane.Il ricatto economico poteva funzionare con un Italia terzomondista da dopoguerra e infine la dignità di una nazione che deve essere libera di scegliere con coraggio e anche se fosse necessario anche con un po' di sacrificio.I possibili mancati introiti degli abitanti potrebbero essere integrati con aiuti ad hoc(vedasi tipo sostegno del Mezzogiorno)..e allora rispondete: basi militari?

Affondo

Per Giuseppe
Pinochet era il dittatore cileno.
il Cile e' in sud America.
Il governo somalo e quello dell'Etipoia hanno chiesto aiuto agli Americani, per piegare le corti islamiche.
ciao

francesco

Oltretutto hanno anche quell'arroganza velata nel dire o ci date l'autorizzazione ad ampliare la base o sposteremo tutto in Germania. Beh che se ne vadano, e gli spazi lasciati liberi sarebbero facilmente utilizzabili per tante cose molto positive e oltretutto costruttive ( non distruttive ): potrebbero ospitare università che generalmente hanno le varie facoltà sparse a macchia di leopardo nelle nostre città, in strutture fatiscenti... ma anche ospedali e lascio ad ognuno di voi la scelta di cos'altro. Siamo alleati ma non alla pari, vi ricordo che ogni rogatoria internazionale nei confronti dei loro militari accusati di reati commessi nel nostro territorio cadono sempre nel nulla ( cermis, caso Abu Omar.... ). Rispetto reciproco ma libertà ad ognuno di fare le proprie scelte. Poi, nel caso di Vicenza, ampliare una base vicina al centro città sarebbe una follia. Se i nostri "governanti" avessero un pizzico di buon senso boccerebbero questo progetto perchè incompatibile con il territorio ove verrebbe realizzato e senza farsi tante "seghe mentali".

susi

Per Affondo.
Non ti meriti risposte. Magari un consiglio sì: se non hai nulla da dire,non dire nulla.

Per Mirka
Sono d'accordo con te. Occorrono scelte politiche coraggiose, che ben pochi però hanno intenzione di fare. Per i mancati introiti, io non son tanto sicura che esisterebbe davvero: se non ci fossero le basi quelle migliaia di ettari di territorio sottratte alla popolazione potrebbero essere messe a frutto in maniera diversa. e non meno redditizia, anzi.

Dino

vedo che molti dimenticano che, se oggi possiamo aver la fortuna di vivere in un paese democratico, lo dobbiamo alle migliaia di giovani americani che sono morti (e muoiono ancora...) nel nostro paese contro il nazismo! Aprite gli occhi e ragionate con la vostra testa.

rolando

Idem con patate.
solo che a me non sembra; ne sono certo!
Ultimo argomento di una lunga serie, quello del riconoscimento oramai globale dei metodi americani di esportare e forzare il proprio modello di democrazia. Il piu' delle volte solo una scusante delle susseguentesi amministrazioni americane di mascherare i palesi tentativi di colonialismo globale, aggressione, e appropriamento indebito delle risorse naturali altrui.
L' Italia intera si dovrebbe dissociare dall' amministrazione americana, e non soltanto Vicenza o i Vicentini - incluso lo scrivente.
Gli impegni internazionali presi dai precedenti governi Italiani e Americani si basavano su uno scenario pest-bellico che non sussiste piu'.

Affondo

Per Mirka
Vedi, sei molto simpatica, come molto simpatici sono molti dei forumisti. Devo ricordarti cosa avvenne nella ex Jugoslavia e cosa fece l'Europa e gli europei? Nella ex Jugoslavia Milosevic stava portando a termine una operazione di pulizia etnica. In Bosnia i serbi massacravano la popolazione e i politici europei parlavano e aprivano tavoli. Ci volle l'intervento dell'ex presidente Clinton per porre termine a tutto questo. Una buona pace si costruisce con le bombe non con le chiacchiere. Le basi sono necessarie per costruire una pace duratura.

Affondo

Per susi
Purtroppo racconti balle, questa dell'uranio impoverito in Sardegna non l'avevo mai sentita. Sono sicuro che vi e' ignoranza non dolo in queste affermazioni.

Cino

Yankee go home

http://cino74.blogspot.com/

susi

ignoranza ce n'è di certo, ma non da parte mia. sarà che ci vivo, in sardegna. sarà che la lotta per riconoscere che la causa dell'aumento esponenziale dei malati di cancro nei paesi limitrofi alle basi la vivo da anni. Se non avevi mai sentito nulla, in torto sei tu. Documentati. E già che ci sei, fallo ance sulla somalia. Che ora che ci sono arrivate le bombe targate USA son tutti esperti del corno d'africa e della sua situazione politica

Affondo

Per Susi
Hai documenti che provano tutto questo? Hai parlato di uranio impoverito, non mi risulta che i sommergibili usino uranio impoverito.
Per quanto riguarda la Somalia devo ricordarti che e' stato il Governo della Somalia e quello dell'Etiopia a chiedere l'intervento americano.
Mi rendo conto che gli ex marxisti hanno sempre lo stesso nemico, nonostante la caduta del muro e le macerie che il comunismo ha lasciato.
Sara' l'ultima risposta per te, non mi va di rispondere a gente che parla per sentito dire.
ciao

MARIA GRAZIA MORONI

Non mi è piaciuto per nulla il comportamento esitante del governo:la questione doveva essere affrontata per tempo per non dare la solita impressione di inadeguatezza.Se c'è nel programma un chiaro riferimento alla ridiscussione delle servitù militari bisogna tenerne conto.Non credo affatto alle eventuali promesse di non far partire dalla base aerei per l'Irak.E' arcinoto che gli americani non consentono alcun tipo di controllo nelle loro basi.

susi

sommergibili??? le basi in sardegna son anche poligoni (sia missilistici sia per esercitazioni a fuoco), caro affondo. Non esiste solo La Maddalena, sai? tra Usa e NATO in sardegna ci sono oltre 12000 ettari di servitù militari. Ripeto, informati. Per la Somalia, hai una minima idea di cosa siano i partiti in Somalia? sai che son tutti armati? sai quali sono i rapporti con l'Etiopia? Hai mai sentito parlare delle tendenze egemoniche etiopi nel territorio somalo? No, scherziamo. E' tutto semplice e lineare, ci sono le "corti islamiche" e ci sono i buoni che portano la pace (la pace???? tre mesi di legge marziale, e i carri armati per le strade). Ci sono gli islamici cattivi (lo sai sì che in somalia son tutti islamici?) e gli etipi che coi loro amichetti portano la democrazia. Et voilà, il clichè è bello che confezionato, lo si applica qua e là per il globo e ci sia autoelegge a salvatori del mondo. Che tristezza. Non risponderò più ai tuoi commenti, non ne vale la pena.

I commenti per questa nota sono chiusi.

Carosello

Disclaimer e Privacy

  • Questo blog non è una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità: non può pertanto essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Eventuali marchi e immagini relative sono protette da copyright e sono proprietà dei rispettivi marchi. Qualora gli autori o i detentori di diritti volessero rimuovere il materiale di loro proprietà eventualmente presente su questo blog, basta che lo richiedano scrivendo a vladimiro.dagostino@gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione. Il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i commenti e i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi. Questo sito (di proprietà di TypePad) utilizza solo cookie tecnici, necessari a favorire la navigazione, non vengono quindi utilizzati per scopi ulteriori.
Blog powered by Typepad
Iscritto da 07/2005
La mia foto

Pinterest